Bergamo

project

New GAMeC in Bergamo

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

  • © C+S Architects

    © C+S Architects

The new GAMeC Museum in Bergamo

C+S Architects, the office of Carlo Cappai and Maria Alessandra Segantini, developed the design for the new GAMeC Gallery of Modern Art in Bergamo, now housed in the headquarters of Via San Tomaso, which is planning an expansion of both its permanent collection and temporary exhibitions.

Its construction will be co-financed by the Municipality of Bergamo, with a contribution of 6 million euros, by the Foundation  Banca Popolare di Bergamo.

The design focuses on the retrofit (recovery and transformation) of the PalaNorda in via Piacentino, an elliptical structure dating back to the Sixties. The new GAMeC becomes a new ‘urban hinge’, being located between the Parco Suardi and the new urban regeneration interventions of the Montelungo-Colleoni conversion to student accomodation.

The project, which is part of a wider redevelopment, provides for the conversion of the sport’s hall of Via Pitentino into a new exhibition center which has the aim, on the one hand, of confirm the role of public buildings in citizens' mental maps, and on the other hand, to reinvent the role of the building inside the urban space that surrounds it.

The intervention does not involve any demolition, instead being a careful retrofit operation, as defined by the designers, which respects the memory of the building.

"The term retrofit refers to the activity of adding new technologies/features to an old system (be it a car, building, etc.), so as to extend its life. We have inherited from the past buildings of generous dimensions and structures that today we could hardly afford to build. We have limited resources and less abundance of land to consume, as land itself is a non-renewable resource. We believe it is necessary to regenerate ancient buildings and obsolete urban systems because they are special spaces available to communities, banks of energy and raw materials, resources rather than problems to be solved. Retrofit is a resilient tool to translate the more or less recent past and turn it into a resource for the community. The transformation of the sports hall into the new GAMeC is one of these legacies that is transformed into potential, on the urban scale, on the architectural scale and on the scale of the physical experience of the citizens."- Cappai and Segantini state.

The proposal by C+S Architects intercepts the potential of the area: the new GAMeC will become a hinge between the student campus in the former Montelungo-Colleoni barracks, the Parco Suardi park and the Accademia Carrara.

Therefore, this version revisited due to a series of critical issues that emerged during the design process, becomes an opportunity to expand the site intervention and design a generous qualitative urban public space.

Following the working methodology of C+S, the design process was shared thanks to a series of weekly meetings at the presence of the municipal offices, the direction of the Museum, the Capitanio Architetti for the economic-financial analysis, F&M Ingegneria for structural design, Seingim for the MEP and environmental sustainability and the Musci study for seismic vulnerability.

By confirming and clearing the elliptical container from its additional volumes, C+S Architects envisages a radical transformation of the volume and entirely redesigns the adjacent outdoor public spaces and parking lots. Maintaining the position of the entrance towards Piazzale Tiraboschi, the architects transform the current entrance volume, lowering it in height so as to build a portal which allows the public space to flow into the building. This is how the foyer of the museum is created and turned into an indoor full-height covered square, an open and attractive interior urban in continuity with a new square, designed by the green, new seating areas, a fountain with water games and commercial gazebos.

The retrofit project of the building, built in the sixties with an elliptical shape and characterized by vertical structures in reinforced concrete, focuses on the possibility of radically transforming the internal structure by demolishing the stands, but keeping intact the belt of pillars that define its shape.

With this in mind, "the project becomes a bridge between past and future: on the one hand it maintains a strong character of its original structure and on the other it invents a new space, consisting of an opal glass lantern suspended in the void that houses the gallery for the temporary exhibitions of the GaMeC. The existing internal structures will be left unfinished and consolidated with metal reinforcements, but maintaining the materiality of the exposed concrete and the traces of its transformations”, write Cappai and Segantini.

The museum actually begins on the ground floor as the full-height foyer is designed as a multifunctional space equipped to exhibit generously sized works. This space also houses the bookshop and informal educational rooms to attract the younger audience. Opposite the entrance are the museum offices and a commercial space that overlooks the new student residence in the Montelungo-Colleoni area.

A central staircase excavates the entrance to the museum on the first and second level with the gallery for temporary exhibitions created within the opal glass volume. Inside the latter, are a series of mobile modular panels capable of creating different sizes of internal environments, illuminated in in different ways. The permanent museum and the temporary gallery are however accessible separately so as not to hinder access to the permanent museum when setting up temporary exhibitions.

Safety stairs and symmetrically positioned elevators complete the system of accessibility and escape routes.

On the top floor it was necessary to reduce the space due to the impossibility of building adjacent to the passage of the Morla stream. A light volume was therefore created that houses a panoramic restaurant, accessible from the outside even if the museum is closed. This new volume follows the building boundary, leaving the rest of the space to a beautiful rooftop terrace.

The new museum "is not only a container for art, but also a machine to look at Bergamo from above, thanks to this panoramic terrace that somehow stitches up the whole view after the path one has made within the museum. The terrace overlooking the rooftops of Bergamo is the conclusion of this journey that takes us through the memory of the building, into art, and then finally to see the city.”Cappai and Segantini say.

Leaning on a platform slightly raised above street level, the new Museum connects with the latter through the complete redesign of the public spaces that surround it, making them perfectly accessible and redesigning the parking areas. A single material, a white stone (Biancone or Apricena) is the precious material for the cladding of the elliptical volume and for the flooring of public spaces: a public 'carpet' that can be activated by the life and experiences of the citizens of Bergamo. “We are honored to have contributed to giving back to the citizens of Bergamo a new public space capable of raising awareness of the fundamental role that art and culture have in building the legacy for future generations", write Cappai and Segantini.

 

La nuova galleria di arte moderna e contemporanea GAMeC a Bergamo

Lo studio C+S Architects, Carlo Cappai e Maria Alessandra Segantini, ha sviluppato lo studio per la realizzazione della nuova Galleria d’arte moderna e contemporanea GAMeC a Bergamo, ora ospitata nella sede di via San Tomaso che ha in programma un ampliamento della collezione permanente e degli eventi temporanei.

La sua realizzazione sarà co-finanziata dal Comune di Bergamo, nel 1991 fondatore del museo insieme al Credito Bergamasco e poi socio fondatore dell’Associazione insieme a Tenaris-Dalmine e, con un contributo di 6 milioni di euro, dalla Fondazione Banca Popolare di Bergamo, parte dell’Associazione per la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo.

Lo studio, il cui grado di approfondimento è quello del progetto preliminare, prevede il retrofit (recupero e trasformazione) del PalaNorda di via Piacentino, struttura ellittica risalente agli anni sessanta, di cui la nuova GAMeC sfrutterà la posizione centrale, essendo collocato tra il parco Suardi e i nuovi interventi di rigenerazione urbana dell’area Montelungo-Colleoni.

Il progetto, che si inserisce nella più ampia riqualificazione dell’area compresa tra l’ex caserma Montelungo e l’Accademia Carrara, prevede la riconversione dell’odierno palazzetto dello sport di via Pitentino in un nuovo polo espositivo capace, da un lato, di confermare il ruolo dell’edilizia pubblica nelle mappe mentali dei cittadini, e dall’altro, invece, di reinventare la struttura attraverso un nuovo programma che ridisegna non solo l’edificio ma anche lo spazio urbano che lo circonda. 

L’intervento non prevede demolizioni ma un’accurata operazione di retrofit, così come la definiscono i progettisti, nel rispetto della memoria dell’edificio.

Con il termine retrofit si intende l’attività di addizione di nuove tecnologie/funzionalità ad un sistema (sia esso un’automobile, edificio, ecc.) vecchio, così da prolungarne la vita. Abbiamo ereditato dal passato edifici di dimensioni e strutture generose e che oggi con difficoltà potremmo permetterci di realizzare. Abbiamo risorse limitate e meno abbondanza di suolo da consumare, in quanto proprio il suolo è una risorsa non rinnovabile. Crediamo sia necessario valorizzare edifici antichi e sistemi urbani obsoleti perché sono spazi speciali a disposizione delle comunità, banche di energia e di materie prime, risorse invece che problemi da risolvere. Il retrofit è uno strumento resiliente per tradurre il passato più o meno recente e trasformarlo in una risorsa per la comunità. La trasformazione del palazzetto dello sport nel nuovo GAMeC è una di queste eredità che si trasforma in potenzialità, alla scala urbana, alla scala architettonica e alla scala dell’esperienza fisica dei cittadini” – raccontano Cappai e Segantini. 

La proposta di C+S Architects intercetta le potenzialità dell’area: la nuova GAMeC diventerà una cerniera tra il campus studentesco nella Ex-Caserma Montelungo-Colleoni, il parco Suardi e l’Accademia Carrara.

Non solo quindi il progetto dell’edificio, questa seconda versione rivisitata a causa di una serie di criticità emerse durante il processo progettuale, diventa l’occasione per disegnare un grande spazio pubblico urbano di qualità e di collegare una serie di interventi tramite la nuova cerniera urbana della GAMeC. 

Seguendo la metodologia di lavoro di C+S, il processo di progettazione è stato condiviso grazie a riunioni bisettimanali con la presenza degli uffici comunali (spesso con la presenza diretta anche dell’Assessore Valesini), la direzione del Museo, lo studio Capitanio per le analisi economico-finanziarie, F&M Ingegneria per le strutture, Seingim per la parte impiantistica e di sostenibilità ambientale e lo studio Musci per la verifica di vulnerabilità sismica.

Confermando e ripulendo dai volumi aggiuntivi il contenitore a pianta ellittica, lo studio C+S Architectsprevede una radicale trasformazione del volume e ridisegna interamente gli spazi esterni adiacenti e i parcheggi. Mantenendo la posizione dell’ingresso verso piazzale Tiraboschi, trasforma l’attuale avancorpo, mantenendone il sedime, ma lo abbassa in altezza in modo da costruire un portale talché lo spazio pubblico fluisca all’interno dell’edificio. Si crea così il foyer del museo che è una vera e propria piazza coperta interna a tutta altezza, uno spazio aperto, attraente e senza soluzione di continuità con la nuova piazza esterna, disegnata da sedute, una fontana a giochi d’acqua e dei piccoli gazebo commerciali. 

Il progetto di retrofit per l’edificio, realizzato negli anni Sessanta di forma ellittica e caratterizzato da strutture verticali in cemento armato, si concentra sulla possibilità di trasformare radicalmente la struttura interna demolendo le gradinate ma mantenendo intatta la cintura di pilastri che ne descrivono la forma.  

In quest’ottica “il progetto diventa un ponte tra passato e futuro: da un lato mantiene una forte traccia delle strutture originali e dall’altro inventa un nuovo spazio, costituito da una lanterna in vetro opalino sospesa nel vuoto che ospita la galleria per le mostre temporanee della GaMeC. Le strutture interne esistenti verranno lasciate al grezzo e consolidate con innesti metallici, ma mantenendo la materialità del cemento facciavista e le tracce delle sue trasformazioni, scrivono Cappai e Segantini. 

L’esposizione in verità inizia già al piano terreno in quanto il foyer a tutta altezza è pensato come uno spazio multifunzionale attrezzato per esposizioni di opere di dimensioni generose. Questo spazio ospita inoltre il bookshop e salette didattiche informali per attrarre il pubblico più giovane. In posizione opposta all’ingresso sono collocati gli uffici del museo e uno spazio commerciale che si affaccia verso il nuovo studentato dell’area Montelungo-Colleoni.

Uno scalone centrale scava l’ingresso al museo al primo e secondo livello con la galleria per esposizioni temporanee ricavata all’interno del volume opalino che presenta una serie di pannellature modulari mobili capaci di creare ambienti più o meno grandi e più o meno illuminati. Museo permanente e galleria temporanea sono comunque accessibili in modo separato in modo da non ostacolare l’accesso al museo permanente durante l’allestimento delle mostre temporanee.

Scale di sicurezza e ascensori posizionati simmetricamente completano il sistema di accessibilità e vie di fuga.

All’ultimo piano è stato necessario ridurre il volume per l’impossibilità di costruire in adiacenza al passaggio del torrente Morla. E’ stato pertanto ricavato un volume leggero che ospita un ristorante panoramico, accessibile dall’esterno anche se il museo è chiuso. Il nuovo volume segue le linee di confine edificatorio lasciando il resto dello spazio a una bellissima terrazza panoramica in copertura.

Il nuovo museo “non è solo un contenitore per l’arte, ma anche una macchina per guardare Bergamo dall’alto, grazie a questa terrazza panoramica che in qualche modo ricuce tutta la vista dopo il percorso che uno ha fatto all’interno del progetto. La terrazza che dà sui tetti di Bergamo è la conclusione di questo percorso che ci porta attraverso la memoria dell’edificio, dentro l’arte, e poi finalmente a vedere la città.- raccontano Cappai e Segantini.

Appoggiato su una piattaforma leggermente rialzata rispetto al livello della strada, il nuovo Museo si raccorda con quest'ultima attraverso il ridisegno completo dello spazio pubblici che lo circondano rendendoli perfettamente accessibili e ridisegna le aree a parcheggio. Un unico materiale, una pietra bianca (Biancone o Apricena) costituisce il materiale prezioso per il rivestimento del volume ellittico e per la pavimentazione degli spazi pubblici: un ‘tappeto’ pubblico attivabile dalla vita e dalle esperienze dei cittadini di Bergamo. Siamo onorati di aver contribuito a restituire ai cittadini di Bergamo un nuovo spazio pubblico capace di far crescere la consapevolezza del ruolo fondamentale che l’arte e la cultura hanno nel costruire l’eredità per le generazioni future”, scrivono Cappai e Segantini. 

 

 

 
Credits

Crediti:

Progetto architettonico e coordinamento generale: C+S Architects, Carlo Cappai, Maria Alessandra Segantini con Alice Cecchini, Alessandra Lione, Roman Joliy, Treviso | Londra

Studio economico: Studio Capitanio, Bergamo

Progetto strutturale: F&M Ingegneria, Mirano

Progetto impiantistico e sostenibilità ambientale: Seingim, Ceggia

Verifica vulnerabilità sismica: Studio Musci, Bergamo

Cliente: Comune di Bergamo

Superficie costruita: 5707mq

Superficie spazio pubblico: 10.100 mq

Superficie parcheggi: 2750 mq

Superficie terrazza di copertura: 1133 mq 

 

back to top